ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
articoli.htm   Articoli - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 
AAC News       Indice generale       Pubblicare un articolo
   
Salvatore Fiume. Sesso e corposità del reale. Opera: La scoperta del Turco.

 


 
Articolo letto: 4355 volte

News > Costume e Società

Salvatore Fiume. Sesso e corposità del reale. Opera: La scoperta del Turco.



E' vero. In Salvatore Fiume, grande artista del'900, la figura umana è stata protagonista, molte volte, attraverso il filtro dell'amore e della rappresentazione sessuale. "La sua arte, scriveva Gesualdo Bufalino, si articola tra sensualità e rigore, all'insegna della vampa e della luce, che sa come splendere e fiammeggiare. " E', infatti, ai miei occhi, un immaginario sempre disciplinato dalla preponderante lezione della classicità mediterranea, attraverso il quale egli sa rappresentare incisivamente la realtà del reale, annullando, con un gesto, ogni filosofia che approda al nulla e alla nientificazione. (Http: //news. Arcadiaclub. Com/13232

/salvatore_fiume_arte_del_900_sesso_e_corposita_del_reale_realta_del_reale. Htm)



In questa opera, "La scoperta del Turco", dal ciclo Le invasioni Saracene (1982), non sono presenti le geometrie metafisiche. Prevale il discorso naturalistico. Parlo di discorso, perché l'arte è un discorso. E qui esso esprime la moderna classicità di Salvatore Fiume, il suo lato istintivo di pittore "naturale". Leggo ancora le parole di Bufalino nella Prefazione dell'antico libro ritrovato: "Il signore delle isole" di Enzo Leopardi (1991). Egli parla di un pittore che dipinge, come un' altra persona mangia o respira. "Senza che questo, peraltro, limiti la sua arte ad un istinto, a un dono spontaneo. Fiume ha, dietro di sé, un'ingente cultura visiva che gli consente sempre di coniugare calcolo e invenzione, in un inestricabile e felice connubio. "

I colori sono i suoi. Inconfondibili. L'immagine si snoda fluida e verisimile. Se i primi disegni metafisici risalgono già agli anni'40, tuttavia, la sua vena "naturale" è persistente e coesiste con tutte le altre esperienze ed sperimentazioni del suo percorso, "la cui pienezza non finisce mai di meravigliare".



"La scoperta del turco" è opera che fa parte della collezione donata dai figli Laura e Luciano Fiume a Palazzo Lombardia, a Milano.



Quest'anno ricorre il Centenario della nascita di Salvatore Fiume, nato a Comiso, in Sicilia, nel 1915.



A Milano, la Galleria Artesanterasmo (www. Artesanerasmo. It) celebra l'avvenimento con una mostra, dal 16 aprile al 23 maggio 2015, in Corso Porta Nuova 14. (Tel. 02 877069)

Commenti (0)

 

06
MAG
22:30
 













Scritto da:
Giancarla_Vietti
 

 

 



Dì la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa più dieci:




 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicità | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2017 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietà di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: