ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
articoli.htm   Articoli - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 
AAC News       Indice generale       Pubblicare un articolo
   
Castelli della LOIRA: Villesavin

 


 
Articolo letto: 7238 volte

News > Viaggiare

Castelli della LOIRA: Villesavin



La "baracca da cantiere" di Chambord.

Nel 1527, Jean Le Breton, uno dei soprintendenti incaricati dello svolgimento dei lavori di Chambord, decise di farsi costruire una dimora più modesta presso il cantiere reale. Approfittando della presenza degli scultori fiorentini che lavoravano a Chambord, il castello di Villesavin ricevette una decorazione semplice ma di grande qualità. Le finestrelle furono magnificamente cesellate e su alcune di esse vennero rappresentate figure di personaggi, come le Muse. Nel cortile d'onore troneggia ancora una grande vasca in marmo bianco di Carrara datata al 1500. La cappella fu ornata nel 1530 con affreschi che, alla morte di Le Breton, furono coperti da una striscia nera in segno di lutto. L'interno, rustico, ospita imponenti camini, uno dei quali in una cucina, attrezzato con un enorme girarrosto. Il castello è prolungato da due cortili chiusi pieni di fascino, cosa che accentua l'atmosfera familiare di Villesavin.

In uno dei due, ombreggiato da un grande tiglio, si trova una bellissima collezione di carrozze.

Con le sue finestre sontuosamente decorate, pilastri ionici, medaglioni scolpiti, il castello non può negare la sua parentela con il suo prestigioso vicino, Chambord. Tuttavia l'aspetto di questa lunga e bassa villa di campagna resta unico. Il suo charme risiede sia nel paesaggio romantico della foresta che lo circonda, sia nell'architettura in stile Primo Rinascimento e nell'atmosfera che lo distingue da un "castello-museo".

Il castello possiede anche una piccionaia con una scala girevole perfettamente funzionante. Gli escrementi dei piccioni fruttavano un'ottima rendita in un tempo in cui i fertilizzanti chimici non esistevano. In bella pietra bianca della regione, è traforato da 1500 scomparti. Ai tempi si misurava la ricchezza di un signore secondo il numero di scomparti poiché ciascuno di essi rappresentava una misura di grandezza dei terreni posseduti. Il proprietario di Villesavin dunque doveva possedere 750 ettari di terreno. Dalla parte del giardino, un vasto prato scende verso le rive del fiume Beuvron, non lontano dai pascoli di asini del Poitou, specie minacciata, e verso la foresta di Boulogne che conduce a Chambord.


Commenti (1)

 

16
OTT
12:01
 













Scritto da:
carlafr
 

 

 



Dì la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa più dieci:




 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicità | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2022 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietà di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: