ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
articoli.htm   Articoli - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 
AAC News       Indice generale       Pubblicare un articolo
   
Occultismo, plagio e sfruttamento o pratiche di spiritualità?

 


 
Articolo letto: 9246 volte

News > Paranormale e Animali

Occultismo, plagio e sfruttamento o pratiche di spiritualità?



Secondo le cifre stimate dal Mistero dell'Interno sarebbe in constante aumento, soprattutto fra i giovani, il numero di coloro che si lasciano attrarre da pratiche occulte, magiche e rituali. Ma al di là delle pratiche "sataniste" che costituiscono senza dubbio un fenomeno allarmante, è ormai noto che sempre più persone si avvicinano anche a pratiche terapeutiche non convenzionali (omeopatia, fiori di Bach, Reiki eccetera) e di crescita spirituale di derivazione orientale (come varie tecniche e scuole di meditazione). Fenomeno, questo, che trova la sua ragion d'essere entro l'attuale società post moderna e individualista dove vanno perdendo mordente le istituzioni della Chiesa, della scuola e della famiglia (insieme ai valori da queste professati) a favore della libertà di scelta, autonomia, autodeterminazione e realizzazione della persona.

Tutto questo allargamento del ventaglio di opportunità e di scelte che ognuno si trova davanti e che si pone in alternativa ai punti di riferimento tradizionali è accompagnato però da un contesto di vita (affettiva, sociale ed economica) piuttosto incerto, precario e in rapido mutamento. In tale contraddizione l'ambivalenza dei possibili significati che, pratiche orientali, spirituali o parapsicologiche, possono assumere in una società post-moderna, occidentale e frenetica come la nostra che è ben diversa dalla cultura delle società indiane o tibetane. Il problema non è solo riuscire a distinguere eventuali imbroglioni e ciarlatani da reali maestri e scuole di spiritualità, ma anche il significato e le ripercussioni che l'esercizio di tali pratiche può avere a livello individuale può esser molto diverso (addirittura opposto) a seconda delle persone.

Chi è troppo vulnerabile o non sufficientemente maturo da un punto di vista psicologico rischia, in poche parole, di entrare in un vero e proprio rapporto di "dipendenza" dalla personalità o dalle associazioni che divulgano tecniche di crescita o guarigione orientali e spirituali anziché utilizzare queste stesse tecniche per conquistare una propria realizzazione ed autonomia interiore.

Niente in definitiva è assolutamente buono o cattivo, dipende sostanzialmente dall'uso che se ne fa e questo, purtroppo, lo hanno ben capito coloro che speculano sulle paure e le insicurezze della gente a differenza di coloro (e ce ne sono) che da anni dedicano vita, tempo, energie e pazienza alla diffusione di una pratica, come quella della meditazione, in cui credono perché convinti delle infinite risorse e dell'inesauribile ricchezza che ognuno di noi comunque possiede.


Commenti (1)

 

20
APR
15:39
 













Scritto da:
sadharma
 

 

 



Dì la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa più dieci:




 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicità | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2017 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietà di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: